“Ragazzi della tempesta” di Elle Cosimano (2020) – RECENSIONE

Ragazzi della tempesta mi ha presa in modo insolito e del tutto singolare. Per la prima volta ci ho messo tempo a entrarci dentro, masticare le emozioni e gli scenari che essa evocava. Una delle cose che più mi ha colpita dell’autrice è la ricercatezza di ogni più piccolo dettaglio, valida palestra per ogni potenziale scrittore. Dalla Cosimano ho appreso che niente è banale nella narrativa e che anche la cosa più semplice non va trascurata. Un’espressione, un oggetto, una scena. La trama è così squisitamente originale e satura di elementi affascinanti, da essere sempre più intrigante mano che si avanza nella lettura.

Ragazzi della tempesta: la mia recensione…

Le colonne portanti di Ragazzi della tempesta sono le stagioni, portavoci di storie ed emozioni irripetibili, che hanno plasmato anche la loro vita oltre la morte. Eh sì, perché così come la Primavera incarna la rinascita nel mese di marzo, è anche simbolo di morte nel periodo più caldo dell’anno: l’Estate.

La storia si articola su una catena di eventi fatti di lotte e conquiste, desideri e aspirazioni, nelle quali s’intravede il sottile rinvio alle conquiste umane. Colonialismo, Grande guerra. Fleur, la Primavera, è costretta a uccidere Jack, l’Inverno, per prendere il predominio nel mese di marzo. Julio però, l’Estate, la uccide ogni anno a giugno. Avvenente, affascinante, passionale. Così come l’Inverno e la Primavera iniziano a deteriorarsi man mano che le giornate si allungano, anche l’Estate va incontro alla fine e il predatore è Amber, l’Autunno. Jack, infine, uccide Amber.

Un altro dettaglio interessante è che a ogni nuova stagione, le precedenti ritornano nel sottosuolo, in camere di stasi – delle “batterie” che le ricaricano – prima di risvegliarsi. Alla fine del periodo dominante, a ogni stagione è assegnato un punteggio all’interno di una classifica. Questo punteggio è fondamentale per il suo risveglio, perché al di sotto di un certo valore le stagioni vengono terminate.

Un sistema progettato a regola d’arte, non è così?
Purtroppo no. Il tempio della vita realizzato da Cronos, il Dio del tempo, è suscettibile di attacchi. Una delle sue fondamenta è divieto di congiungimento tra le stagioni. Proprio quello che accade tra Jack e Fleur. Jack, da sempre innamorato di Fleur, decide di salvarla dalla sua situazione di svantaggio nella classifica portando il caos. Inizierà così una ribellione che cercherà di ribaltare ogni pilastro dell’edificio messo in piedi da Cronos.

Alexandra Romano