“The Ones” di Veronica Roth (2020) – RECENSIONE

The Ones ci offre una via alternativa per riflettere su drammi contemporanei come il terrorismo islamico, il potere indiscriminato delle....

Spesso si sottovaluta il genere fantasy/fantascientifico, ma sempre di più mi accorgo che fatti, emozioni e relazioni della vita reale non avrebbero lo stesso sapore, se non fossero raccontate con un pizzico di magia. The Ones ci invita a riflettere su drammi contemporanei come il terrorismo islamico, il potere indiscriminato delle grandi multinazionali a discapito di altri esseri viventi. The Ones è uno degli esempi per cui ho scelto di raccontare drammi quali separazioni, abbandoni, disastri naturali, in questo modo. La fantascienza spazza via il torpore di un racconto drammatico e ci consente di focalizzarci meglio sui dettagli che muovono la nostra parte riflessiva.

“The Ones”: la mia recensione…

Ambientato in una Chicago contemporanea, il romanzo di Veronica Roth è una spiaggia su cui fantasia e realtà si incontrano. Un mondo dove dei “Prescelti” combattono il male che si manifesta durante i Gorghi. I Gorghi simboleggiano la noncuranza con cui vengono rasi al suolo chilometri di foreste per erigere nuovi allevamenti intensivi. O, ancora, potrebbe essere un rinvio alle guerre del passato, all’olocausto, che hanno spezzato la vita di molte persone in un battito di ciglia. Il male si incarna in una figura incognita, l’Oscuro, che indossa una maschera diversa a seconda dei suoi fini. L’Oscuro è un essere deprecabile che vive sulle ceneri di ciò che l’umanità ha costruito per esistere e il terrore notturno che fa tremare gli animali in un bosco.

L’unica speranza per salvare il mondo è racchiusa in cinque ragazzi: Matthew, Sloane, Esther, Iris, Albie. Ognuno possiede un dono speciale, una piccola arma che può combatterlo. Infatti, qualche tempo fa, la loro unione è riuscita ad annientarlo, ma dopo l’ultima battaglia ognuno di loro ha cercato di superare il dramma dei Gorgi. Chi vive di benzodiazepine, chi si è costruito un’immagine sui social e chi, purtroppo, è caduto vittima di droghe. Poi c’è Sloane, che dopo il progetto governativo Immersione Profonda, non è stata più la stessa. Qualcosa di oscuro e potente le ha attraversato la pelle, l’Ago di Koshei, che resterà legato a lei per sempre.

La scomparsa di Albie determina il rovescio della medaglia. Una trasmigrazione imprevista su Genetrix, universo parallelo alla Terra, momento in cui The Ones raggiunge l’acme. I prescelti prenderanno parte a una missione che potrebbe determinare la sorte dell’umanità di Genetrix e della Terra. La magia è l’unica arma per sperare di vincere, una volta per tutte, contro l’Oscuro.

Alexandra Romano

Autore: alexandraromano

Alexandra Romano è nata a Napoli, il 29 marzo 1999, studia comunicazione e culture digitali alla Federico II. Scrive e canta dall'età di dodici anni, ma la scrittura è più di una passione: è il suo percorso di vita. Vegetariana da tre anni, le piace la fotografia e adora la natura. Il suo primo romanzo (fantasy-sentimentale), "Il Potere dell’Indissolubilità", è uscito nell'ottobre 2016. Nel marzo 2018, ha aperto il suo primo blog, "L’inchiostro nelle vene".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *