La capacità di immedesimarsi nell’altro, la comprensione dei sentimenti e i dolori che affliggono una persona a noi vicina. Le emozioni, quelle belle e quelle “brutte”, anche se penso che un giudizio di valore sulla capacità di provare brividi piacevoli o torsioni di stomaco che danno un senso alle nostre esperienze sia sbagliata. L’empatia, una sola parola, ma che racchiude in se miriadi di significati, esperienze e sensazioni, è il nostro più grande dono. E Dick lo aveva intuito alla perfezione già agli albori della sua carriera, tanto da dedicare ad essa interi libri, riflessioni e anche idee divaganti che, se guardiamo più a fondo, simboleggiano i confini dell’esistenza.
Philip Dick è uno degli scrittori più influenti del XX secolo, è stato capace di esprimere i sentimenti, le frustrazioni e i desideri delle generazioni di intera epoca. La beat generation, la cultura lisergica, gli bi-alfabetizzati (sia fonetici che televisivi), ma anche gli emarginati. I drogati, gli psicotici diventano protagonisti, seppur destinati ad una fine tragica, individui che lottano per appropriarsi della propria libertà. Infatti, Dick esplora l’utilizzo della droga con uno sguardo avulso dal filtro dell’apparenza scoprendo quanto l’abuso di stupefacenti corrisponda a una situazione umana precaria. L’uomo viene al mondo senza conoscere qual è il suo vero scopo, perché da un momento all’altro la sua vita può finire senza un’adeguata giustificazione, ed è totalmente inetto del suo percorso biologico. L’uso di stupefacenti e l’eccesso di sostanze psicotrope corrisponde al tentativo di appropriarsi a quella intelligenza complessiva che in natura gli è sottratta.

Cyborg, esistenze sintetiche e intelligenze sovrumane

I cyborg, esseri mutanti, metà organici e metà inorganici, rappresentano proprio ciò che c’è oltre quel confine. Quando l’uomo supera se stesso e inizia a produrre qualcosa che presenta la particolarità di superare alcuni dei suoi limiti. La capacità di calcolo, una volta esclusivo appannaggio dell’uomo, è oggi specifica dell’intelligenza artificiale. Basti pensare che ci sono operazioni che ormai deleghiamo ai nostri dispositivi, senza neanche compiere più lo sforzo di tentare, fallire e riprovare. L’uomo arriva creare degli esseri nei quali inocula una memoria artificiale, fatta di falsi ricordi e increduli affetti, che caratterizzano un po’ tutti gli esseri tecnologici. Gli androidi messi in scena da Philip Dick sono un altro simbolo della finitezza della nostra esistenza, programmati per adempiere a dei fini specifici. Nel momento in cui però sorgono le prime domande sulla propria esistenza, che non corrispondono ad una risposta automatica ad un input, ecco che diventano quanto più simili al colui che li ha creati. È un po’ ciò che accade in Blade Runner, tratto dal famosissimo romanzo di Dick: Do androids dream of The electric sheep. Nonostante le storie profondamente riflessive, struggenti inventate dall’autore, egli nutre ancora una speranza: l’amore. Per Philip Dick l’unica salvezza per l’uomo è condividere la propria sofferenza con quella altrui, immedesimarsi nell’altro e cooperare per il benessere reciproco.

I simulacri (1964) di Philip Dick

Ne I simulacri Dick immagina uno scenario, ad oggi non troppo lontano, di quello che potrebbe essere il futuro che ci attende. Un mondo che sopravvive sui frammenti di una realtà che non esiste più, che si confonde nella finzione, surrogato della plastica, unica vera materia destinata a permanere nel tempo. Un presidente degli Stati Uniti che non esiste. Una donna, sua moglie, molto più vecchia di ciò che appare e ben diversa da ciò che il pubblico è abituato a vedere. Infine, uno dei personaggi che più colpisce della trama, è il pianista psicocinetico Richard Kongrosian, che vive una sensazione sofferta di distacco con il proprio corpo, con la propria personalità. Per lui il destino non ha riservato uno scenario luminoso, e con un ultimo tragico evento la sua persona sarà totalmente stravolta.

In senso inverso (1967) di Philip Dick

Un altra opera, considerata tra i capolavori della fantascienza, è In senso inverso, pubblicata nel 1967, che propone un totale stravolgimento di prospettiva. La morte viene considerata un processo reversibile, dal quale si può tornare indietro, rinascendo, a differenza della nascita, priva di un vissuto alle spalle. Il primo “rinato”, Sebastian Hermes, diventa il capostipite di una ditta deputata alla riesumazione dei morti dalle loro tombe. Sigarette fumate a partire dalle cicche. L’atto del cibarsi non più fatto della nutrizione e dell’ingerimento, ma da profondi spasmi dell’intestino che portano a rimettere. Non ci si rade più, la peluria della pelle e i baffi vengono attaccati sulla pelle. Solo una mente stravagante come quella di Dick avrebbe potuto concepire un romanzo nel quale l’intero processo biologico viene stravolto, dando una voce al dolore della perdita per qualcuno.

I giocatori di Titano (1963) di Philip Dick

In questo romanzo invece, l’autore mette a fuoco quello che sarà il futuro abitato dalla tecnologia, e lo fa sempre in una chiave distopica. Le macchine intelligenti, quelle che noi tutti conosciamo e che oggi circolano liberamente nella nostra intimità, sorvegliano i protagonisti nella loro vita di tutti i giorni. I mezzi di comunicazione e le macchine, quali automobili e farmacie smart, hanno acquisito una propria esistenza al punto di ribellarsi con i propri utenti. Molti giocano a Bluff, un gioco di gruppo che accoppia in modo sempre diverso gli individui, e che si servono della telepatia per aggirare le mosse dell’altro. Questo giorno attrae anche i vug, esseri deformi e quasi spaventosi, dotati di una telepatia spiccata, che hanno invaso la Terra. I giocatori di Titano racconta il disorientamento degli anni Sessanta, e rappresenta anche un romanzo atemporale, in grado di anticipare le fattezze di un futuro dove l’uomo è sempre più sottomesso agli esseri da lui creati, in primis le tecnologie.

Alexandra Romano

Per altre recensioni visita la categoria Le mie recensioni.