Questo mondo corre troppo e non ci dà il tempo di vivere, o almeno, di farlo con i dovuti tempi. Siamo nell’era in cui tutto scorre velocemente come una corrente marina, o meglio, una cascata: trascina con sé quasi tutto il passato spesso rendendolo dimenticanza, insignificante. Quante volte ci capita di vedere un post su un social e tre secondi dopo subito scompare, catapultato da altri più recenti? Così accade con le news: una notizia importante ha la stessa durata di una riguardante l’intrattenimento. Così accade con i sentimenti: nel mondo social anche essi vengono trasportati con la velocità del vento e celati con il filtro odierno più potente.

Stiamo correndo troppo e questa corsa ci sta accorciando la vita, ci sta smorzando l’anima. Sì, perché diamo meno peso alle cose, ai sentimenti e agli attimi importanti: non ne abbiamo il tempo!
Tutta questa rapidità fa anche sì che ciò che si fa, si dice e si vive sia il più piccolo possibile: chiamate istantanee, post o articoli molto corti, sguardi negli occhi fuggitivi. La maggior parte della nostra vita è dedita alla simultaneità e alla simulazione. Viviamo di verosimiglianza o invenzione, di immagine, ma non più di realtà. Oppure poco. Viviamo ventiquattro ore su ventiquattro su un palcoscenico di dubbia costruzione, senza sapere spesso che parte recitare, qualche ruolo interpretare. Siamo i migliori attori non protagonisti nella vita di persone con cui dovremmo recitare le parti principali.

Oggi, viviamo poco e vediamo tantissimo, o tutt’al più guardiamo. Siamo abituati a viverci la vita ma facendolo a stento. Viviamo con gli altri guardando le loro storie su Instagram, li ascoltiamo leggendo i loro post, ma non è detto che questo avvenga con attenzione. Queste cose sono il mero prodotto di una quotidianità pregna di social e mondi virtuali. Non ho scelto il verbo vedere perché avevo bisogno di un sinonimo: “vedere” non implica quell’attenzione di cui abbiamo bisogno per “guardare”. Spesso, partecipiamo virtualmente alla vita degli altri, ma senza neanche accorgercene. Molto di quello che facciamo è pura abitudine, tanto da dargli poca rilevanza.

I social dovrebbero essere un surrogato, una qualche aggiunta per arricchire le nostre relazioni, il nostro “tenerci in contatto”, ma non sostituire la vita. Certo, grazie ai social siamo molto più vicini quando siamo lontani chilometri; possiamo comunicare nell’immediato… ma non devono diventare sostituti della vita, del vivere.

Alexandra Romano